PHILOLOGY’S STORY

 

I STARTED PHILOLOGY IN JULY 1987, DEDICATING IT TO PHIL WOODS, CHET BAKER AND LEE KONITZ, MY HEROES IN JAZZ. AFTER MORE THAN 30 YEARS OF DEEP, TRUE, LOVE FOR JAZZ I HAD THEN A TURNING POINT, ASKING TO MYSELF NOT WHAT JAZZ COULD GIVE ME BUT WHAT I COULD DO FOR JAZZ. AND, KNOWING THE HIGH LEVEL OF ITALIAN JAZZ, I ALSO DECIDED TO ORGANIZE FOR MY LABEL STUDIO AND LIVE RECORDINGS BY ITALIAN AND USA MUSICIANS, WHERE EACH OF THEM COULD HAVE AN UNUSUAL ENCOUNTER. AND, ALSO, I LOOKED AT THE ITALIAN AND EUROPE / USA SCENE IN ORDER TO SEE IF THERE WAS SOME BADLY FORGOTTEN MUSICIAN TO REDISCOVER. THAT HAPPENED, FOR EXAMPLE, WITH THE GENIUS OF TONY SCOTT, WHO RETURNED IN A STUDIO FOR PHILOLOGY FOR A SERIES OF GREAT, IMPASSIONED, ALBUMS LIKE “ THE CLARINET ALBUM “ PHIL W 112 – “ DIALOGUE WITH MYSELF “ PHIL.W 76 – “ BODY AND SOUL ( HOMAGE TO BILLIE HOLIDAY ) PHIL. W 119 – “ HOMAGE TO LADY DAY “ PHIL.109 – “ POETS OF JAZZ “ PHIL.W 90 ( IN THESE MARVELOUS ALBUMS TONY ENCOUNTERS SOME OF OUR GREATEST JAZZMEN LIKE FARAO’, D’ANDREA, SELLANI. THE SAME HAPPENED WITH LEE KONITZ AND PHIL WOODS, WHO WERE COUPLED WITH SOME OF ITALIAN BEST MUSICIANS IN ALBUMS OF ORIGINAL AND RARE BEUTY LIKE ( TO NAME JUST A FEW ) :

  • LEE KONITZ “ BLEW “ PHIL. W 26 ( WITH ENRICO PIERANUNZI’S SPACE JAZZ TRIO)
  • “ SOLITUDES “ PHIL.W 28 ( DUETS WITH PIERANUNZI)
  • “ 12 GERSHWIN IN 12 KEYS “ PHIL.312 (WITH FRANCO D’ANDREA )
  • “ INSIDE COLE PORTER “ PHIL. 107 ( WITH FRANCO D’ANDREA )
  • “ BREATHS AND WHISPERS- THE SKRYABIN PROJECT “ PHIL. W 75
  • “ SELFPORTRAIT – DIALOGUE WITH MYSELF ( IN 4 LINES ) “ PHIL. W 121
  • “ SPEAKIN’ LOWLY “ PHIL. W 71 ( WITH RENATO SELLANI )
  • “ L’AGE MUR “ PHIL. W 123 ( WITH ENRICO RAVA ) PHIL WOODS
  • “ PHIL’S MOOD “ PHIL. W 27 (WITH E.PIERANUNZI’S SPACE JAZZ TRIO)
  • “ EMBRACEABLE YOU “ W 25 ( WITH THE BIG-BANG ORCHESTRA)
  • “ PHIL ON ETNA “ PHIL. W 38 /39 ( WITH THE CATANIA CITY BRASS ORCH.)
  • “ ORNITHOLOGY- .PHIL SALUTES BIRD “ PHIL. W 69 (WITH F.D’ANDREA TRIO)
  • “ OUR MONK “ PHIL. W 78 ( WITH FRANCO D’ANDREA )
  • “ JUST FRIENDS “ PHIL W 106 ( DUETS AND TRIOS WITH RENATO SELLANI)
  • “ ELSA – THE FERRARA CONCERT “ PHIL. W 206 (WITH E.PIERANUNZI)
  • “ LIVE AT THE CORRIDONIA JAZZ FEST. “PHIL. 211( WITH PIERANUNZI’S SJ TRIO)
  • “ PORGY AND BESS “ PHIL. W 856 ( WITH THE JAZZ CLASS ORCH.)

FOR CHET BAKER I ALSO CONCEIVED SOME OF HIS LATEST STUDIO MASTERPIECES LIKE “ THE HEART OF THE BALLAD “ PHIL.W 20 – “ LITTLE GIRL BLUE “ PHIL. W 21 AND ALSO THE SUBLIME “ LIVE FROM THE MOONLIGHT “ PHIL. W 10 /11 , MAYBE HIS GREATEST CLUB PERFORMANCE EVER.

PHILOLOGY’S CATALOGUE ( ABOUT 150 ALBUMS IN 12 YEARS ) IS ALSO DEVOTED TO DISCOVER SOME NEW YOUNG JAZZ TALENTS ( ERMINIO CELLA, DANILA SATRAGNO, BARBARA CASINI, STEFANO BOLLANI, EMANUELE BASENTINI, VINCENZO PALERMO, CLAUDIO CUSMANO, DAVIDE SANTORSOLA, ADA MONTELLANICO, GIORGIO LI CALZI, ZEDUARDO MARTINS, ROSARIO GIULIANI, ESMERALDA FERRARA, PAOLA ARNESANO……) OR REDISCOVER SOME FORGOTTEN GIANTS LIKE MASSIMO URBANI, IRIO DE PAULA,GIANNI BASSO, MIKE MELILLO…..

PHILOLOGY’S PHILOSOPHY ABOUT THE RECORDINGS AND ABOUT THE SOUND IS TO PRESENT THE SESSIONS IN THEIR NATURALITY AND REALITY, SINCE I THINK THAT ALL WHAT HAPPENS DURING THE IMPROVISATIONS IS PART OF THE CREATIVE PROCESS AND, FOR THIS REASON, MUST BE PRESENTED IN ITS INTEGRITY WITHOUT ANY ARTIFICIAL EDITING OR SOUND FILTERING. PHILOLOGY WANTS TO SPEAK THE LANGUAGE OF THE TRUTH, SO RESPECTING AND BETTER SERVING THE REAL – TRUE JAZZ LOVERS ( IN FACT, I – PAOLO PIANGIARELLI – STARTED PHILOLOGY FOR CONCEIVING AND DOING RECORDS PRIMARLY FOR MYSELF, RECORDS THAT I WOULD HAVE LIKED TO SEE IN OTHER LABELS’ CATALOGUES AND I’VE NEVER SEEN. I LOVE JAZZ, PROFOUNDLY, SINCERELY, FROM 45 YEARS ( FROM THE TENDER AGE OF 14 !), SO I CAN BE RIGHTLY CONSIDERED ONE OF WORLD JAZZ FAMILY WHO TRIES TO DO THE RIGHT THINGS FOR THE GREATEST MUSICAL ART OF THE 20TH CENTURY : JAZZ. BUT…, AS AN INDEPENDENT LABEL, I NEED YOUR HELP, JAZZ FANS…

LOVE TO ALL, GOD BLESS YOU…
PAOLO PIANGIARELLI PHILOLOGY’S PRODUCER

____________________________________________________________________________________

ARTICOLO TRATTO DA

http://jazzfromitaly.splinder.com 

Poi finalmente, un uomo innamorato profondamente del Jazz, un fan appassionato dei grandi Maestri di questa che è, anche per me, la musica più bella, un personaggio unico e coraggioso,

inventa lì sul momento, senza filtri o artificiali pensieri di produzione, quella che è l’etichetta più vicina all’anima del Jazz.

Nel luglio del 1987, nasce la PHILOLOGY di Paolo Piangiarelli.

italian jazz label

“Perché faccio dischi così belli? Perché lo amo il Jazz, tanto e da sempre, da più di cinquant’anni, come e forse più di voi e nel 1987 ho deciso di farli io i dischi di jazz, quelli che non vedevo sul mercato, quelli che avrei voluto che altri facessero per me ma non li facevano…”

.

Così Paolo Piangiarelli presenta la sua avventura, così descrive un sogno che il suo amore, il suo impegno e la sua grande capacità relazionale umana hanno trasformato in una delle realtà più importanti del panorama musicale.

Ed il vasto catalogo della PHILOLOGY, testimonia tutto questo e rappresenta in maniera concreta la sua filosofia e quella della sua amata creatura.

Il nome stesso, ed il logo, è una dedica ad uno dei suoi eroi, quel Phil Woods che al sax contralto ha continuato la lezione di Charlie Parker, non emulandolo o, semplicemente rendendogli omaggio

– e tutti gliene dobbiamo – ma ponendosi come continuatore della sua musica, come discendente diretto e come il miglior rappresentante, a mio parere, dell’evoluzione che la musica di Bird avrebbe mai potuto avere se lui non ci avesse lasciato così presto.

E non è un caso che sia proprio uno dei suoi idoli a dare il via alla grande produzione che Piangiarelli metterà “on air” fino ad oggi.

.

Phil Woods

Il catalogo si apre proprio con tre LP del Phil Woods Quartet (con Mike Melillo, Steve Gilmore e Bill Goodwin) in quel magnifico THE MACERATA CONCERT [1] registrato al Teatro Lauro Rossi nel Novembre del 1980.

Paolo cercherà di incidere e pubblicare la musica di Phil nelle combinazioni più varie possibili, sempre di alto livello artistico e di grande creatività.

Come in "THE BIRTH OF THE ERM" [2] con la European Rhythm Machine, nel "MEMORIAL CHARLIE PARKER" [3] o con la Big Bang Orchestra di Mario Raja [4] .

Nel box con i tre LP registrati dal Phil Woods Quartet a Macerata, trova spazio un bellissimo booklet ed anche una dettagliata discografia del contraltista di Springfield, redatta da Piangiarelli stesso.

Questo dello studio, dell’archiviazione, del dettaglio, è un altro caposaldo dell’etichetta, che chiaramente dichiara la sua ricerca filologica nello stesso nome, ed aggiunge un dettaglio chiarificatore nella filosofia della PHILOLOGY.

Piangiarelli infatti ritiene che bisogna presentare le session così come sono, nella loro reale naturalezza, perché crede che tutto quello che accade durante le improvvisazioni fa parte del processo creativo e per questo deve essere presentato nella sua relativa integrità.

La ricerca di inediti per la presentazione al pubblico degli appassionati di tutta la musica registrata dai grandi Maestri del Jazz, è un’altra sfaccettatura che caratterizza la produzione della PHILOLOGY e gli dona visibilità internazionale.

Infatti, come un “piccolo” Dean Benedetti, Paolo parte alla ricerca di nastri inediti dei suoi idoli, pubblicando Bird’s Eyes [5], LP con inediti di Charlie Parker che inaugura una serie che nel tempo raggiungerà oltre venticinque volumi, poi Prez’s Hat [6], con inediti del grande Lester Young che si protrarrà in altri cinque volumi ed anche un bellissimo LP con inediti di Clifford Brown e Chet Baker [7].

.

Clifford Brown & Chet Baker unissued

Questa operazione genererà non pochi dibattiti tra gli appassionati ed anche alcune polemiche sulle colonne del mensile Musica Jazz, essendo questi nastri provenienti da registrazioni private (quella di Brown addirittura incisa da lui stesso a casa sua) e non perfetti dal punto di vista della qualità sonora.

Ovviamente non tutti amano il Jazz così profondamente come Paolo Piangiarelli e non tutti hanno ancora compreso che la documentazione su disco del Jazz, di questa musica che si nutre dell’invenzione e del cambiamento continuo, che ha fatto dell’improvvisazione la sua genialità compositiva è, non solo utile e bella, ma necessaria per affrontare il futuro, conoscendo il passato.

Bastano poche righe scritte da Marcello Piras, per far comprendere meglio di molte spiegazioni l’importanza di queste pubblicazioni.

“ la questione non è oziosa. Ormai sta finendo un’epoca: finora sono stati i privati a salvare dal naufragio i sacri testi del Jazz. Senza dubbio, considerati per quello che sono, un documento, questi nastri sono davvero qualcosa di unico, che non meritava di finire nella spazzatura. Era importante che questo materiale non andasse perduto: bene ha fatto chi lo ha portato finalmente alla luce del sole” [8]

Ma torniamo a noi, al tema portante di questo scritto, alle produzioni PHILOLOGY ed alla dedizione di Piangiarelli per i suoi idoli.

Ho appena accennato il nome di Chet Baker, ma questo è un nome importante nella musica Jazz ed ha un posto di rilievo, come merita, anche nella produzione di Paolo.

.

Chet Baker Trio - Live from Moonlight

Il primo è uno dei migliori concerti del trombettista di Yale, registrato nel 1985 al Moonlight Club di Macerata [9] con Massimo Moriconi (bass) e Michel Grailler (p), un disco intimo dove Chet affronta con una dolcezza unica e con tempi estremamente dilatati alcuni dei pezzi che più amava.

My Funny Valentine, How Deep is the Ocean, My Foolish Heart, Estate. "Sempre gli stessi pezzi" che sembrano ogni volta nuovi, le “canzoni semplici” che la sua voce sublimava in pura poesia, le melodie famose ogni volta sconosciute all’invenzione del suo respirare nella tromba.

.

Un disco bellissimo, vero e proprio LIVE CULT, reso unico da una discografia cronologica e da delle liner notes a firma dello stesso amico e produttore che sanno più di un assolo in Jam, di una libera improvvisazione su tema che di una lettura “critica” del concerto.

.

Chet Baker & Pieranunzi - The Heart of the Ballad

Qualche anno dopo, Paolo, invita Chet Baker in studio e lo fa incidere in due dischi memorabili e, purtroppo, gli ultimi della produzione in studio di Chet Baker.

Tra la fine del febbraio ed i primi di marzo 1988 nascono per la PHILOLOGY “The Heart of the Ballad” [10] in duo con Enrico Pieranunzi e “Little Girl Blue” [11] in quartetto con lo Space Trio del pianista romano. Anche qui l’atmosfera è delle migliori ed il risultato è sublime grazie anche alla scelta dei temi e soprattutto all’ispirazione dei musicisti.

Nella riedizione in CD, Piangiarelli include tre take di “But Beautiful” la splendida ballad di Jimmy van Heusen, più la quarta che era quella usata nella prima stampa dell’LP.

Ascoltando tutte e quattro le tracce di seguito, si ha la fortuna di assistere alla nascita di uno dei gioielli che Chet sapeva donare, senza chiedere mai niente in cambio. Perché, anche secondo me, nessun suono di Chet deve andare perduto, perché ognuno è una rara gemma, e questo lo dobbiamo anche a uomini come Paolo Piangiarelli.

.

Chet Baker - Naima

Postumi escono tutti i nastri che questo appassionato fan/produttore ha inciso nel tempo o recuperato e salvato dall’oblio.

“Seven Faces of Valentine” [12] e “Naima: Unusual Chet” [13] sono due raccolte di tracce live che vanno dal 1975 al ’87, la prima dedicata interamente alle innumerevoli versioni del classico di Rodgers & Hart, con diversi accompagnatori.

Successivamente ha pubblicato un live in due volumi registrato al Club 21 di Parigi [14] e il bel concerto “A Night at the Shalimar” [15] con Nicola Stilo, Furio Di Castri e Mike Melillo e Luca Flores alternati al pianoforte.

Due mesi dopo la tragica scomparsa di Chet Baker, la PHILOLOGY produce un sincero omaggio alla musica ed un saluto allo spirito di Chet, incidendo con Tiziana Ghiglioni e Mike Melillo “Goodbye, Chet” [16].

Il disco presenta anche due inedite versioni di “Lament”, incise da Chet Baker con il quartetto di Tiziana Ghiglioni al festival di Bari nel 1985, unica traccia registrata, dal nostro “emulo” di Dean Benedetti con il suo Sony tascabile, di quel mancato incontro discografico tra i due.

Nel novembre 1989, grazie a Paolo Piangiarelli esce, allegato a Musica Jazz, “the Newport Years vol.1” [17], che propone registrazioni inedite di Baker del 1955 al famoso jazz festival. Inoltre permette di ascoltare la tromba di Chet Baker in duo con la nostra Caterina Valente (voce e chitarra) al festival tedesco di Baden-Baden nel ’56.

.

Chet Baker The Newport Years

Lo stesso produttore, qualche anno dopo, mette a disposizione delle registrazioni inedite di Baker in Italia tra il ’75 ed il 1988 per l’allegato di Musica Jazz dedicato a Chet Baker.

Tra queste c’è una perla, SOLAR di Miles Davis, registrato da Chet Baker a Torino il 21 aprile 1988 con Enrico Rava, Massimo Urbani e Franco D’Andrea.

Insomma, un rapporto vero e duraturo, quello tra Paolo & Chet, uno scambio di affetti e di intenti, un’amicizia ed un rispetto unico,

molto di più che un rapporto professionale.

Lo stesso che lega questo “anomalo” produttore ad un altro dei suoi eroi ai quali la sua etichetta musicale è dedicata, Lee Konitz, l’unico saxofonista che negli anni ’50 aveva già uno stile personale così originale che gli permise di restare “del tutto indifferente” alla prepotente influenza di Bird.

.

La PHILOLOGY registra per la prima volta l’alto sax di Konitz nel 1988, facendolo suonare a Roma con quello stesso Space Jazz Trio con il quale aveva fatto incontrare Baker, incidendo due dischi in due giorni, l’intenso e fresco “Blew” e lo splendido “Phil’s Mood” [18].

Nello stesso anno Piangiarelli licenzia “Solitudes” [19], dove propone il lirico pianoforte di Pieranunzi come unico compagno del sax di Lee Konitz, realizzando un album di ballad dello stesso sapore agrodolce del magico duo con Chet Baker.

.

Lee Konitz - Blew

Da quel momento in poi, Paolo riserva a Lee lo stesso trattamento filologico che ha nei confronti dei suoi idoli, registrando il solismo unico di Konitz nelle più diverse espressioni, dall’orchestra ai dischi più intimi in duo con i più interessanti pianisti di casa nostra come D’Andrea, Sellani, Umberto Petrin, Stefano Battaglia, fino al particolarissimo “Self Portrait” [20] dove il Maestro del sax alto, registrando in solitario, sovraincide la voce del suo strumento fino a quattro volte, improvvisando sempre, prima sul tema scelto e, successivamente, sulle sue stesse improvvisazioni.

.

Poi c’è l’incontro con un grande trombettista del nostro paese, uno dei più interessanti uomini del jazz.

Nel 1997, Lee Konitz incontra di nuovo in uno studio di registrazione Enrico Rava, con il quale aveva inciso il suo primo disco in Italia, quasi trent’anni prima, quel memorabile “StereoKonitz” [21] con il complesso di Giovanni Tommaso.

Per Piangiarelli i due incidono “L’Age Műr” [22],

“un vero disco di Jazz, uno di quelli che forse nessuno fa più ai nostri giorni…” come dice Rava nelle note di copertina.

.

Lee Konitz & Enrico Rava

Enrico Rava è da sempre, insieme a Chet, il trombettista favorito di Paolo. La sua label lo aveva già avuto come gradito ospite delle sue produzioni nel ’90, con Pieranunzi, Enzo Pietropaoli al basso e Roberto Gatto     [23].

Per Piangiarelli, come in tutti i suoi rapporti “professionali”, è ancora il cuore a dettare le nuove direzioni della PHILOLOGY.

.

Nel 1999 incide “Rava plays Rava” [24], che rappresenta il primo capitolo del Rava’s Songbook, in duo con un giovane pianista, che nello stesso anno aveva inciso il primo disco a suo nome [25] proprio in casa PHILOLOGY. Nel novembre 2000 Piangiarelli organizza l’incontro di Rava con Renato Sellani, uno dei più eleganti pianisti italiani, con un senso dello swing ed una capacità poetica innata e naturale, che darà alla luce due album, il primo dei quali, “Radio Days” affronta il repertorio della canzone italiana, nel modo più lirico e bello che possiate immaginare.

“Donna” di Kramer, “Roma nun fa la stupida stasera” di Trovajoli, “Arrivederci” di Bindi e poi Le tue mani, Ma l’amore no, Amore baciami ed altre, vengono presentate spogliate di tutto il superfluo, restituite con l’essenza della melodia, con il profumo dei ricordi.

Un disco affascinante e prezioso.

.

Rava play Rava

Qualche mese dopo i due si ritrovano, sempre al Mu Rec Studio di Milano, ed incidono un’altra perla della PHILOLOGY.

“Le Cose Inutili”, parte dallo stesso assunto del precedente, ma si confronta con la canzone americana.

Una manciata di standard proposti in una luce che smussa gli angoli, con una veste che accende il desiderio, con una semplicità che, in questo raro caso, è sinonimo di grandezza.

Successivamente c’è l’incontro di Rava con i due mostri sacri di Piangiarelli, Phil Woods e Lee Konitz.

L’aveva detto Paolo “…ho deciso di farli io i dischi di jazz, quelli che non vedevo sul mercato, quelli che avrei voluto che altri facessero per me…”

.

Phil Woods Lee Konitz Enrico Rava

E sarà ancora Enrico Rava a fare “da ponte” ad un altro amore musicale di Paolo Piangiarelli, che nel 1977 registra il trombettista in concerto all’Arena Sferisterio di Macerata [26].

Su quel palco, oltre a lui, c’è Jean-François Jenny-Clark al basso, Aldo Romano alla batteria e, soprattutto, Massimo Urbani al sax alto.

.

La sua etichetta discografica doveva ancora nascere, ma Paolo s’innamorò subito di quel ragazzo, il cui genio era un mistero.

Quando nel 1987 nacque la PHILOLOGY, tra i primi dischi da pubblicare Piangiarelli volle proprio Massimo Urbani, e gli propose un disco memorabile [27], un duo con Mike Melillo, che non aveva mai incontrato Urbani e che è stato per anni il pianista di Phil Woods, di totale improvvisazione per Bird.

Non un disco su Bird o sulla sua musica, ma proprio per Bird, forse l’unico disco di Massimo Urbani apertamente dedicato a Charlie Parker.

.

Max non incide neanche una traccia delle composizioni a firma di Parker, anche se diverse citazioni, fulminee, vengono fuori inaspettatamente fedeli agli impossibili originali sempre cangianti, ma suona tutti gli standard a lui cari, non interpretando la musica di Parker ma respirando à la Bird, seguendo l’ebbrezza dei suoi voli irraggiungibili ed anche il rischio delle sue cadute verso il basso, nella geniale forma improvvisata tanto cara a Bird, quanto a Max.

.

Massimo Urbani & Mike Melillo

“Lover Man”, “Out of Nowhere”, “What is this Thing Called Love”, I’ll Remember April” si formano nell’aria con enorme rispetto della canzone stessa, suonate con l’intensità che è solo dei grandi solisti, con un gusto per l’avventura musicale che non è mirabolante o fantasmagorica, ma indaga tra le pieghe semplici della composizione, illumina gli angoli più nascosti, ricerca con sobrietà e naturalezza fino a trovare la Poesia, sempre nuova, che solo i puri o gli innamorati sanno pronunciare.

Poi arriva il brano “The Gypsy”, di William Gordon Reid, e tutto il disco prende la forma di un capolavoro.

“…quando gli ho chiesto di suonare The Gypsy, che è un brano che lo stesso Parker ha suonato una sola volta nella seduta storica e drammatica di Lover Man, Massimo non lo aveva mai sentito. Glielo feci sentire io in studio, una volta sola, e lui l’ha suonato subito dopo ad orecchio, l’ha suonato incerto come quello di Parker, due versioni entusiasmanti.

Parker suonò a stento la melodia di The Gypsy perché stava male, la suonò usando appena le note fondamentali del tema, era al minimo delle sue possibilità ed al massimo della sua creatività. Ho tenuto presente quella seduta di Parker. Massimo suonando quel pezzo, ha accettato la sfida e si è messo nella condizione psicologica di Parker. Erano tutti e due in un momento di impedimento: Parker non aveva facoltà mentali giuste in quel momento, Massimo non conosceva il pezzo; entrambi hanno fatto un capolavoro di un brano che non avevano mai suonato.” [28]

.

Massimo Urbani

Questo restarà, purtroppo, l’unico disco in studio che Urbani incide con la PHILOLOGY, ma Paolo continuerà a registrare Max in tutte le occasioni che gli capitano, perché Piangiarelli non fa progetti a tavolino per la sua etichetta, lui insegue un sogno, si innamora dell’uomo che c’è dietro lo strumento, si appassiona al soffio di quello strumento.

.

Di Massimo Urbani esce “the Urbisaglia Concert” [29] con una ritmica sconosciuta ai più e con dei brani che fanno “gridare al miracolo” l’illustre critico inglese David Waddington. Poi vede la luce la sua partecipazione ad una rara registrazione del Gaetano Liguori Idea Quintet [30], che colloca il fenomeno italiano nella storia del jazz. Un disco importante, con un Urbani appena ventenne eppure già maturo nell’uso dello strumento e nel saper usare il linguaggio delle emozioni, un disco “inaspettatamente Jazz”, in un periodo dove i furori del free rivendicavano libertà difficili da raggiungere, con le splendide voci di Danilo Terenzi al trombone, del leader al pianoforte, dell’elastico e reiterato creatore di panorami armonici Roberto Del Piano al basso ed il motore ritmico di Filippo Monico.

.

Gaetano Liguori Idea Quintet

Successivamente esce “Max Leaps In” [31] tra le più esplosive performance del saxofonista romano qui registrato con Melillo, Massimo Morioni al basso e Tullio De Piscopo, e “Go Max, Go” [32] registrato con Riccardo Zegna al pianoforte ed “i veterani” Luciano Milanese al basso e Gianni Cazzola alla batteria.

Ancora il “Live at Strabacco” [33] registrato benissimo in una piccola osteria, ancora con un’ignota ritmica – a parte Massimo Manzi alla batteria – e nonostante questo, o forse proprio per questo, con un Urbani in gran forma, che incide pezzi infuocati come Red Cross e My Little Suede Shoes di Charlie Parker, e ci regala una rara My Funny Valentine, vera perla di delicatezza, ed il “Live at the Supino Jazz Festival” [34] con il grande Luca Flores, che tanto ha suonato con Massimo.

.

Poi c’è il concerto di Bologna registrato con Marcello Tonolo al pianoforte [35] uscito in concomitanza della prima edizione dell’International Massimo Urbani Award (Camerino 2004) e “Wild Genius” [36] registrato un anno prima della sua morte con i grandi Vannucchi, Rosciglione e Gegè Munari, oltre a Maurizio Urbani e Bob Mover come ospiti.

Piangiarelli mette a disposizione anche due lunghi live registrati con Enrico Rava, il furibondo “Flat Fleet” [37] con Franco D’Andrea, Mark Helias al basso e Barry Altschul alla batteria ed il bellissimo “Live at JazzBO’ 90” [38] con lo stesso D’Andrea e Giovanni Tommaso e Aldo Romano.

.

Rava / Urbani - Live at JazzBO 90

Insomma, se Massimo in vita ha inciso meno di dieci dischi a suo nome,

qui ne troviamo altrettanti che ci permettono di conoscere meglio la sua figura, di apprezzare fino in fondo la sua musica, di affermare la sua grandezza.

Questo il ruolo della PHILOLOGY, questo il sogno di Paolo Piangiarelli.

Oltre alla passione per questi solisti, veri giganti del Jazz, Paolo ha sempre dimostrato un grande interesse per i crossover, una curiosità instancabile ed un fiuto eccezionale. La sua label ha cercato di documentare, stimolare, indicare i molti punti in comune tra i diversi linguaggi, evidenziando le affinità e cercando le possibili congiunzioni, tra autori solo apparentemente distanti come Battisti, Bindi e Bongusto con Sellani o tra il Jazz e le musiche "altre", come la bossa nova e la musica brasiliana in generale. Il risultato più toccante si trova nei dischi di Barbara Casini con Phil Woods o Lee Konitz, passando per l’elegante "Un Anno d’Amore" inciso con il Maestro Renato Sellani, fino allo splendido, morbido e profumato "Todo o Amor", primo lavoro a suo nome.

Ma la storica label ha promosso anche progetti importanti come i due omaggi a Billie Holiday fatti da Tony Scott, riscoperto sempre da Piangiarelli, ed il Franco D’Andrea Quartet e, soprattutto direi, il Tenco Project che ha visto Tiziana Ghiglioni, la migliore delle nostre cantanti Jazz, cimentarsi con il repertorio di uno dei più particolari autori della canzone italiana.

Ne è uscito un capolavoro, con un trio di eccezione come Paolo Fresu alla tromba, Gianluigi Trovesi al sax alto e clarinetto basso e Umberto Petrin al pianoforte, oltre alla splendida voce di Tiziana.

Di questo progetto ne ho parlato approfonditamente in Tenco’s Jazz

.

Ghiglioni-canta-Tenco

Dei progetti futuri della PHILOLOGY ve ne parla direttamente Paolo, che ho raggiunto al telefono qualche sera fa per la chiaccherata/intervista che segue.

"Quando la bellezza ti fa paura, è meglio che tu non lo prendi quel disco, è troppo bello per te, prendi un pò di merda in giro, che ce n’è tanta"

Intervista a Paolo Piangiarelli:

.

.

JfI: Ciao Paolo,

la tua label ha prodotto i nomi tutelari del jazz contemporaneo, da più di vent’anni. Come effettui le tue scelte e quali sono le direzioni della PHILOLOGY?

PP: È naturale,

cerco di registrarli ogni volta che posso, in situazioni interessanti, in particolari combinazioni artistiche che siano di stimolo per il musicista, non faccio dischi banali, credo.

Il fatto che la critica ritiene che io, di un uomo come Konitz faccia troppi dischi, questa è una affermazione stupida,

è come dire, ma se Mozart fosse vissuto più dei trentatre anni che è vissuto, avrebbe fatto troppe sinfonie? O praticamente qualcuno si sarebbe dispiaciuto di questo fatto?

Messa in questi termini, io sento la necessità di fare questi dischi, visto che adoro Konitz perché lo ritengo uno dei più grandi geni del jazz improvvisato di tutti i tempi, ed io credo che il jazz non sarebbe tale, non sarebbe grande come è, se fosse solo scrittura, se non ci fosse l’improvvisazione del grande solista.

Il Jazz vive ancora di grandi solisti che sempre meno ci sono, ahimè, e non potrebbe vivere solo di pagine scritte, questo è il punto.

Adesso, se uno sente il jazz che si produce adesso, si accorge che mancano i grandi soli, cioè prendi i solisti come Joe Lovano, ma chi sono questi qui, sono competitivi con l’importanza e la profondità di gente del passato come Lester Young?

è importante, perché Lovano ha vinto per anni il referendum del downbeat, ma a che titolo lo ha vinto?

Qual è il suo spessore di personalità o di forza solistica?

Questo è vitale, questo punto è fondamentale.

.

Lee Konitz Musica Jazz

Io se non ci fossero ancora, e purtroppo dobbiamo parlare di persone ottantunenni, se non ci fosse un Konitz, ci terremmo Ornette Coleman, con tutto il rispetto?

Capìto?

Onestamente Coleman che deriva da Konitz, che ha preso tutto da Konitz, che gli deve il suono, il tentativo di suono, perché adesso lo ha perso, non ce l’ha più Coleman, è un pigolìo il suo suono e la sua capacità improvvisativa dov’è?

.

JfI: Eppure, per alcuni addetti al settore, Ornette Coleman è un genio della scrittura.

PP: Perché la critica ancora riempie le pagine della sua composizione Lonely Woman, ma scherziamo?

Ha fatto solo quello, più qualche composizione per i dischi contemporary come “Something Else!!!!” e “Tomorrow is the Question” e poi in definitiva ci siamo tenuti il suo quartetto splendido con Charlie Haden e David Izenzon, ed il capolavoro “Free Jazz” che praticamente resta confinato a se stesso e poi il PRIME TIME, logorroico quanto altro mai.

Assolutamente non creativo, non creativo per 30 anni.

E adesso appena fa un concerto accenna, deve accennare il suo Lonely Woman, altrimenti non si riconosce e la critica scrive:

“..che bello il momento in cui Ornette ha ridonato il suo solo in Lonely Woman…”

è poco, è veramente poco, io non ci stò più a queste cose.

La critica è regredita a livello infantile.

.

Tenco Project - back

JfI: Beh, la critica dovrebbe indicare direzioni, si dovrebbe schierare

PP:Ma il disco che ha vinto il Grammy, l’hai ascoltato bene tu? [39]

JfI:L’ho ascoltato poco.

PP: È bene per te che non l’hai ascoltato, fai uno sforzo, mettilo su ed ascoltalo per due tre volte ed alla fine converrai con me, qui ci stiamo prendendo tutti per il culo, ed io non mi voglio far prendere per il culo.

Allora mi faccio dei dischi che nell’impostazione sono tradizionali, dove ci sono ancora i soli, e chiunque li faccia e li prenda, devono essere assoli importanti.

A me piacciono i solisti che raccontano qualcosa, che abbiano personalità di suono e che poi sappiano veramente raccontare delle storie grazie al cuore che hanno, allo spessore spirituale che hanno ed anche a quello tecnico.

La dove la tecnica ce n’è di meno, si può essere ancora dei grandi solisti se si è come Rava, che ha trasformato le sue “debolezze”, cioè una tecnica non travolgente, in qualcosa che viene dal profondo, dallo stomaco, Rava ha cominciato a gridare.

Il grido di Rava arriva, va bene?

La tecnica puoi anche non averla ma devi raccontare qualcosa, sennò ci prendi per il culo.

.

Rava plays Rava - reprint

JfI: Io ho un ricordo bellissimo del disco Rava plays Rava.

PP: È un capolavoro, fatto 5 anni prima che la Label Bleu se ne accorgesse.

Io sono molto legato a Rava, e lui mi ha sempre voluto bene, ha sempre fatto dischi per me quando poteva ed anche Bollani, che adesso è diventato quello che è diventato, ed è difficilissimo fare un disco di Bollani, ma il suo primo disco da leader, Stefano l’ha fatto con me, era Mambo Italiano con Ares Tavolazzi.

Insomma ma allora chi era Bollani, non era ancora noto, e Rava mi disse che aveva scoperto da poco nel gruppo di Barbara Casini il pianoforte di Bollani e mi disse “…in questo momento mi piacerebbe avere una voce come la sua nel mio gruppo perché ancora non lo conosce nessuno…”,

Questo volle Rava, in un disco in cui suona la sua musica, ed io subito lo registrai, una settimana dopo che lui me lo disse.

Io ho colto subito quei momenti, quando un grande musicista mi diceva “adesso mi piacerebbe questa voce per me”, io non mi sono mai chiesto niente, quanto mi porta in termini di guadagno o quanto vale questo.

Ma che me ne frega del guadagno, io faccio i dischi per i posteri e quasi quasi mi dispiace di venderli agli squallidi, a quelli che non li capiscono o che non gliene frega niente.

Quando la bellezza ti fa paura è meglio che tu non lo prendi quel disco, è troppo bello per te, prendi un pò di merda in giro che ce n’è tanta.

.

Tony Scott - Homage to Lady Day

JfI: Questo che dici rispecchia la filosofia della tua produzione e quello che dicevamo prima dei grandi solisti, cioè se non c’è emozione, se non c’è il racconto, se non c’è il respiro, non c’è musica.

PP: Si, perché senza questo criterio non avremmo un genio come Massimo Urbani. Quanto ha dato al Jazz Urbani?

Lui non sapeva leggere la musica eppure ecco il solista, personalità, suono, istinto.

Senza questi, il Jazz è morto, oppure ci terremmo soltanto Winton Marsalis e le sue rivisitazioni delle orchestre di Ellington o di Fletcher Henderson, adesso.

Lui studia la storia del Jazz, Marsalis, e ce la fa studiare a noi, siamo tutti tornati scolaretti.

Se la Lincoln Center Orchestra, come istituzione, è dedicata solo a questo, a ripassare la storia, ma ce la facciamo a casa noi, mettiamo i sacri testi e ce li ripassiamo tutti.

Dove stanno i grandi solisti nell’Orchestra di Winton?

Non ci sono.

Victor Goines è un solista di tenore degno dei nomi di cui parlavamo prima, Lester, Coleman Hawkins?

No. Quell’orchestra è spenta.

Lo stesso Winton, secondo me, con il tempo ha perso il suono, non è più il Winton di una volta.

Io lo preferivo quando stava con Art Blakey e suonava di tecnica e d’istinto e di cuore e quello che veniva fuori era un magma incandescente.

Dopo si è punito e pulito tutto ed a quel punto, a me interessa molto meno.

.

Rava Sellani - Le Cose Inutili

JfI: Non interessa neanche a me, eppure negli USA ha un posto di assoluto rilievo nell’albero del Jazz

PP: Io credo che Winton Marsalis non può rivaleggiare quanto ad espressività con un trombettista come Rava, ma nemmeno con Bosso, secondo me, anche tecnicamente.

Bosso ha un calore, è un grande sottovalutato, Fabrizio, lo danno tutti per scontato perché è un supertecnico, bravissimo, ma vadano nel profondo.

È entusiasmante quello che suona e quando suona in un teatro lo manda a fuoco quel teatro lui, perché arriva, arriva quello che suona, i suoi soli sono bellissimi, è un vero solista ed improvvisa, con un suono magnifico, il suono di sordina di Bosso non ce l’ha nessuno.

Un critico americano è rimasto scioccato da Bosso, in una delle poche recensioni che mi sono state dedicate, non ricordo se su JazzTime o DOWNBEAT, che quasi mai recensiscono le mie produzioni, perché io faccio incontri tra grandi americani e grandi italiani e per loro le sezioni ritmiche ed i solisti italiani notoriamente sono inferiori agli americani.

E chi lo dice questo?

Noi abbiamo solisti migliori dei loro, il nostro studio si è trasformato piano piano.

Noi non facciamo Jazz in assimilazione del fraseggio altrui, ma suoniamo nel nostro linguaggio.

La storia del Jazz è posseduta dagli italiani ed è veramente amato il Jazz dagli italiani.

Ecco perché suonano così bene ed io non scambierei i nostri nomi come D’Andrea, Bollani, Pieranunzi e Lanzoni, questo sedicenne geniale di Firenze, ma io non li scambio con i loro Jason Moran.

Ma lo hai sentito il disco di Jason Moran?

E loro pompano i loro cavalli ed i nostri non li recensiscono, lo fanno solo quando Bollani, raggiunta la ECM, viene imposto per le recensioni.

Adesso viene recensito Bollani e solo adesso danno a Bollani ed a Rava l’onore del Blindfold test sul numero di Downbeat di febbraio.

Questa è una vergogna.

.

Mike Melillo / Ares Tavolazzi - Almost Blue

JfI: gli americani sono sempre stati nazionalisti e convinti di essere il miglior popolo del mondo, poi non gli toccare il loro Jazz, come se la musica avesse un recinto intorno…

PP: Sono sciovinisti gli americani, che non hanno recensito i miei 7 dischi di Phil Woods in Italy 2000 che sono superlativi, li ho mandati in due copie ma nessuna recensione è uscita su Downbeat.

Vergogna.

C’erano musicisti come Bollani, Bosso, D’Andrea, De Paula, un disco più bello dell’altro.

Li ho fatti dopo che la prestigiosa Blue Note aveva scritturato Woods per otto dischi in otto anni. Il primo disco è stato un disco di BeBop con Johnny Griffin e Tommy Flanagan al piano e dal momento che non ha venduto tanto questo disco qui, è stato chiamato dalla grande etichetta e gli hanno praticamente reciso il contratto.

Io che pensavo di non poter fare più i dischi di Woods, mi ero messo l’anima in pace, ma appena l’ho saputo ho chiamato il mio eroe, un altro sottovalutato considerato come un emulo di Parker, niente di più ridicolo.

Andatevi a sentire il periodo della European Rhythm Machine, quello non era un emulo di nessuno, quello era un musicista meraviglioso, super, che è rimasto tale.

Ora non suona più 4000 note, ne fa 40 ma basta sentir il disco di Tony Bennett “the Art of Romance” dove nel brano di apertura c’è un solo di Phil, che praticamente io non lo posso sentire spesso perché è troppo bello, senti questo suono, a 76 anni uno ha questo suono, e suona questa quintessenza di note, una musica non più di 4000 note ma di 40 e va bene lo stesso, perché è un gigante, uno degli ultimi.

.

Tiziana Ghiglioni - Goodbye Chet

JfI: Phil Woods e Lee Konitz sono due dei tuoi idoli, vero?

PP: Si, ed ho realizzato questo sogno di riunirli insieme ad Umbria Jazz, questi due giganti, ed è stata un’impresa che mi stava mandando sul lastrico con condizioni pesanti imposte anche dagli organizzatori di Umbria Jazz, che non mi hanno aiutato per niente.

Io tutto quel poco che ho fatto in Italia con i miei dischi, lo ritengo un miracolo. Perché l’ho fatto con l’aiuto di musicisti sensibili come Rava, come Bollani, come D’Andrea, come Pieranunzi, come Sellani.

Io l’ho voluto riscoprire Sellani, del quale ho fatto 66 dischi, l’ho ritenuta una missione, non gli faceva fare più dischi nessuno a questo Signore del Jazz.

Thomas Conrad di JazzTime mi ha detto grazie, perché non avevo capito subito Sellani ed ora, grazie a te l’ho capito, mi ha detto, è veramente molto personale e mi dispiace di averlo scoperto in ritardo.

JfI: Tra questi grandi nomi troviamo anche Gianni Basso.

PP: Lui sta suonando meglio che mai ed ora, mi arrivano migliaia di email, soprattutto dagli USA, che dicono “sono un fan di Gianni Basso”. Io lo chiamo Gianni e glielo dico, ma lui si schernisce e ride.

Ma anche qui dovremmo tirare le orecchie alla critica, in questo caso a quella italiana. Per esempio su Jazzit, un giovane redattore ha recensito un disco di Basso con Irio De Paula dedicato a Jobim.

.

Irio de Paula

Suonano prevalentemente classici e lui l’ha valutato con sufficienza, dandogli appena due stelle, scrivendo che è sempre lo stesso repertorio e ci vorrebbero cose nuove.

Sarebbe come rimproverare Chet Baker di suonare tutte le sere Just Friend o My Funny Valentine o Lament.

Vallo a chiedere a Chet, in vita, “senti… guarda, tu suoni sempre But not for me…”

senza considerare il fatto che lo suona sempre diverso, con una nuova emozione, che non legge la musica scritta ma cerca una nuova intensità ogni volta, che vive il concerto con una dinamicità ed un’invenzione unica.

Ma questa è la caratteristica del Jazz, a differenza di Mozart, Brahms, questa è la specificità che appartiene al Jazz.

JfI: L’invenzione è l’anima vitale di questa musica

PP: C’è un disco di Konitz che devi assolutamente ascoltare.

Anni fa D’Andrea fece su mio progetto un disco mirabile che si chiama in Three Lines. Lui ha improvvisato tre volte su se stesso.

Dato un tema, poniamo ‘o sole mio, ha fatto la prima improvvisazione, poi se l’è fatta mandare in sala e sopra questa ha improvvisato una seconda linea, sparandosi un secondo assolo sopra, poi ha fatto mandare tutte e due ed ha registrato, sempre nuovo, una terza linea improvvisativa.

Di questo capolavoro io avrò venduto cento copie, forse fra cento anni qualcuno capirà.

Perché se c’è qualcosa di nuovo che viene fatto da un musicista del quale si pensa di aver scoperto tutto, allora non si pensa di approfondire.

E non dovrebbe essere questo il ruolo della critica?

.

Lee Konitz - Musica Jazz Maggio 1953

Allora, Konitz ha sentito questo disco ed è rimasto a bocca aperta ed ha voluto registrare la stessa idea, facendo la sua musica.

L’unica cosa che mi chiese fu: ma D’Andrea per fare questo capolavoro, dimmi, ha usato il metronomo?

Assolutamente no, gli ho risposto, niente trucchi con Philology, tutto vero, così com’è.

Io non chiedo mai di rifare un pezzo, anche se il musicista avverte che c’è un piccolo errore, perchè tutte le energie messe in quel solo emozionante, se lo rifai una seconda volta, io non ci troverò più quello che ho sentito prima.

Allora l’ho portato in studio, Konitz, per fare un disco in solitario su three lines, e lui che fa, prende Subconscious Lee, si fa un pedalone di prima linea, poi sopra incide una seconda improvvisazione, si spara tutte e due in studio e ne registra una terza linea, poi si gira verso di me e con la mano mi fa un cenno, mi fa quattro, voleva superare Franco, questa è la capacità, questa è l’invenzione, questo è il segreto del Jazz.

Era una sezione di sax inventata li per li, suonata in quel momento in diretta [40]

.

Chet Baker - The Art of Ballad - back

JfI: Di Konitz avrai registrato più di trentacinque titoli

PP: Una settimana fa l’ho registrato a Milano, dove Konitz stava con Martial Solal per la rassegna MITO e gli ho fatto fare altri tre dischi, con il progetto Konitz plays Konitz. Il terzo è con Zambrini, uno con Paolo Birro ed il primo con un pianista di Firenze, Piero Frassi bravo quanto Bollani ma che non sgomita tanto per arrivare.

Me l’ha fatto conoscere Michela Lombardi, una meravigliosa cantante, colta e passionale che riesce a scrivere anche grandi testi, un’altra che canta come nessuna ma nessuno sembra accorgersene.

Anche di lei ho prodotto io il suo disco di debutto [41], ed un altro con il vol. 17 della Revelation Series [42] poi l’ho affiancata al trio del pianista Riccardo Arrighini e l’ho fatta incidere Starry Eyed Again dedicato a Chet Baker [43] ed il tributo al repertorio di Baker continua con altri due dischi di prossima uscita registrati con il trio di Renato Sellani [44] sempre per la mia label.

Michela Lombardi è una che canta come nessuna e spero che anche questa intervista possa offrire un’altra revelation.

.

Michela Lombardi

JfI: Nella Revelation Series ci sono importanti musicisti, ma c’è soprattutto il futuro del Jazz.

PP: Questa serie la sto dedicando anche a sconosciuti, come un americano quasi settantenne chitarrista della Virginia che si chiama Lew Woodall che suona con altri “vecchietti” in un disco che si chiama “Simply Cooking”.

Per questo ho modificato il nome della mia serie in Revelation USA Series, così capiscono che anche gli americani bravi li voglio scoprire io, perché quanti soldi ti può portare scoprire un settantenne? nel business si ragiona così ed io invece mi innamoro dell’energia, della forza e “cucino” un disco in quartetto meraviglioso.

Per questa stessa serie ho registrato un musicista di Bossa Nova che ho scoperto adesso e che si chiama Rogerio Tavares per il quale ho prodotto un disco con cose minori della Bossa, che si chiama Round, e che mi ha commosso.

Ebbene, questo musicista sta in Italia da quindici anni e mi spiace di averlo scoperto solo adesso, ma non è mai troppo tardi, perché una voce così non credevo esistesse.

Rogerio ha la voce più bella, incrinata dalla vita, dalle passioni, dalle debolezze, dal dolore e dalle gioie, la più vicina a quella di Joao Gilberto che io abbia mai ascoltato.

Dopo il concerto di Sant’Elpidio ho scritto un articolo su Rogerio Tavares, l’ho scritto di getto perché se c’è un errore, faccio come un vero jazzista, lo lascio lì.

Lo sai che faccio, te lo mando (voi potete leggerlo qui)

.

Chet Baker in Italy

JfI: Tu hai fatto anche una bellissima improvvisazione scritta per un disco di Chet Baker, che tu stesso hai prodotto, Live from the Moonlight.

PP: Quello è il Cult Disc in un club di Chet Baker, il più bel disco live mai fatto, beh quel pezzo li io l’ho scritto di getto, sentendo un paio di soli di Baker, io ascoltavo lui e lui ispirava me, ed infatti è concepito come una lettera a Chet.

Mi hanno detto che quelle sono le più belle liner notes mai scritte per Chet Baker.

Io l’ho scritto come un solo e se è un vero solo di Chet, mica torni indietro, in un solo o scrivi bene subito oppure è fatta e devi andare avanti.

Se si capisce questo concetto, si capisce il personaggio Paolo Piangiarelli.

Io sono così, non mi devo far vedere da nessuno, non mi devo far grande, non bastano i quattrocento dischi che ho fatto?

Ne ho fatti più della Columbia, li ho fatti con il sangue, con il sudore, con tanti sacrifici, anche i dischi minori, se solo la critica li avesse ascoltati.

JfI: È un’avventura difficile quella di un produttore di musica in Italia.

PP: Questa avventura mi è costata tanto, io vengo da una depressione brutta che ho passato due anni fa, dal quale mi sono tirato fuori da solo grazie alla scoperta di Alessandro Lanzoni, un ragazzino di 14 anni che ho sentito al premio Urbani.

Beh, io lì a mia moglie vicina, gli ho detto :

“aspetta Giovanna, aspetta, aspetta…, questo è un altro segno che il divino mi manda, è come se mi stesse dicendo: non ti è bastato quello che hai vissuto, che ti ho fatto scoprire, ancora ti permetti di essere depresso, perché?

Da domani, quando torniamo a casa, buttiamo via tutte le pillole che stò prendendo ed io in questo momento decido di essere guarito dalla depressione”

.

Andrea Pozza

JfI: Questo dimostra la tua fede e la tua grande forza, perciò guardiamo avanti.

PP: Si, adesso ho prodotto il disco di debutto in piano solo di Mauro Grossi, che è il pianista sommo a cui dobbiamo Bollani, perché Mauro è il Maestro di Bollani e se uno ascolta attentamente Grossi, capisce da chi deriva Bollani. A quasi cinquantanni fa il suo primo disco in piano solo [45], ma mi sono fatto promettere che ne farà un altro dedicato a Tristano, che lui adora.

Come anche il debutto di Andrea Pozza, a 39 anni in trio, l’ho fatto io.

JfI: Un disco molto bello, con le liner notes a firma di Rava che le intitola “Attenzione, PERICOLO, disco di Jazz”

(qui le note di copertina di Enrico Rava)

PP: Molto bello, io al Jazz devo tutto, devo anche il fatto di essere libero innanzitutto. Per questo non sono editore perché cerco solo la buona musica, non lucro con i miei dischi.

È per questo che oggi tutti i dischi sono pieni di edizioni e si evita la Poesia degli standard, l’approccio personale.

Ma Konitz lo dimostra, con i suoni naturali che registra in presa diretta, è buona la prima.

Se sai suonare fai i dischi con PHILOLOGY, sennò vai altrove e ci metti 5 gg per fare un disco, poi 5gg per pulirlo e dopo il mixaggio il disco lo puoi buttare nella spazzatura perché non è più quello che hai concepito, è una cosa ripulita, non mi interessa, prego, io voglio il fischio dell’ancia di Charlie Parker e quando Konitz si rammarica che si sente troppa saliva, io gli dico Lee, che te ne frega, sputaci in quel saxofono, ‘chè è naturale, come il colpo del pedale sul pianoforte, se c’è, c’è, perché devi attutirlo?

.

Bird

JfI: Questo ci riporta alle tue produzioni di inediti, da salvare dall’oblio, da recuperare a qualsiasi condizione, come i nastri di Lester Young, quelli della cabina telefonica di Parker, o di Clifford Brown.

All’epoca questo ha creato qualche discussione, in pochi hanno capito il valore di quelle registrazioni e la tua passione per la ricerca filologica.

PP: Mi ricordo che Piras dedicò uno studio a queste uscite di Brown e, mi ricordo che sull’Unità uscì un articolo intitolato “Hello, Charlie Parker – il disco del secolo”, perché il primo solo ritrovato di Parker è come aver ritrovato la Nike di Samotracia sepolta sotto la sabbia.

L’unico limite di quelle discussioni era che tutto veniva ridotto all’aspetto commerciale di quella pubblicazione, ma ricordati che sul retro di copertina c’era scritto “It’s not Hi Fi Bird, but it’s Hi Bird”

cioè un avvertimento che non era un disco di alta fedeltà, ma è un disco del grande Parker, è il primo soffio vitale del jazz moderno,

da solo.

È li che ho avuto l’idea di far fare cose in piano solo, i duetti che ho iniziato a produrre.

Sono stato il primo che ha prodotto duetti tra due pianoforti, in anni non sospetti, con il duo di Mike Melillo e Franco D’Andrea [46].

O con quello LIVE tra Stefano Bollani     & Franco D’Andrea [47], ed ancora in due dischi tra D’Andrea e Sellani [48], due stilisti completamenti diversi, due dischi sconosciuti perché sono invenduti.

.

Stefano Bollani Franco D

JfI: Ma torniamo al futuro, Paolo, mi hai detto che Lanzoni è stata “la tua salvezza”

PP: Si, non avevo ragione di essere depresso e praticamente Alessandro Lanzoni me lo ha fatto capire. L’ho fatto incontrare con Lee Konitz in un disco uscito da poco dedicato a Bill Evans, che ho voluto chiamare

“Poetical Lee / 81 + 15 = 96” [49]

Lanzoni è stato probabilmente l’ultimo grande atto della mia vita musicale, perché dopo Lanzoni non credo che ci siano altre sorprese [50].

Gli americani, come al solito, se ne accorgeranno tardi perché vogliono scoprirlo tardi, perché gli fa comodo, loro vogliono scoprire solo i loro polli di allevamento, i nostri geni non li scoprono con piacere.

Loro non recensiscono i dischi se non gli paghi le pubblicità, infatti danno cinque stelle ad un disco di Sonny Fortune che secondo me dovrebbe vendere il pane.

Il trio di Lanzoni [51], con Ares Tavolazzi e Walter Paoli è il più bel trio in attività in Italia, ed Alessandro è un miracolo.

.

Renato Sellani-1

JfI: Prima c’era stato Francesco Cafiso    , un’altra tua giovanissima scoperta

PP: La sua scoperta è stata importante, ma quante cattiverie gli hanno fatto. Ora praticamente non ha più lo stesso manager, che è il padre di Giovanni Guidi ed è anche il suo manager, oltre che quello di Rava e Bollani.

Questi tre lo impegnano troppo, per cui mi risulta che abbia abbandonato Francesco. Ma lui deve smettere di ascoltare tutto quello che gli dicono. Devi suonare come Garbarek gli dicevano, ma secondo me non lo volevano far crescere. Lo devo andare a sentire a Foligno e spero di sentirlo bene perché se vacilla glielo dico, “a Francè non ti riconosco più”, se veramente suona peggio eh, perché lui suonava da dio a undici anni, perché con la tecnica che ha lui può suonare alla Ayler, alla Coleman, come vuole, ma deve suonare come se stesso, solo come se stesso.

JfI: Nella tua attività di scoprire talenti quale è stato l’apporto della critica?

PP: Non ho mai amato la critica, ed a pochissimi ho riconosciuto il talento del critico, la critica italiana probabilmente non meritava niente, secondo me.

Ci sono i critici dell’area bolognese che basta che possano parlare di rumori e tutto quello che si avvicina alla musica è dato per scontato, una cosa piacevole, si, ma niente di più, mentre in tutto quello che è rumore ci trovano dei significati così profondi.

.

Enrico Rava - Bella

JfI: Per esempio nel ’90, quando hai inciso “Bella” di Enrico Rava con Pieranunzi [52] erano anni che nessuno si ricordava più di lui, l’ultimo disco promosso dalla stampa era il Soul Note del ’86, in mezzo aveva inciso due cose con la Gala che neanche circolavano e con la Label Bleu registrerà solo nel ’93.

PP: Si, quell’incontro io l’ho organizzato prima, molto prima della EGEA, ed io appena ho costituito la PHILOLOGY, ho pensato che Rava era così significativo per il Jazz italiano che mi sarebbe piaciuto dargli la giusta attenzione.

Così è stato per Massimo Urbani, che ho registrato subito con la mia label, un disco bellissimo, un capolavoro misconosciuto, e quando parlano di Massimo ricordano i dischi della Red, mica questo intimo capolavoro, per cui che critica è, scusa, che critica è?

A parte l’ostracismo che si può fare al produttore, tu come critico devi andare al di là, devi andare a scoprire i capolavori, ti devi documentare, anche se il produttore non ha fatto in tempo a fartelo avere, il disco.

Io posso anche aver sbagliato nelle mie promozioni, ma a volte, inviare dischi a personaggi come questi, è come dare perle ai porci.

Perché tu devi fare il tuo lavoro senza questi calcoli, me l’ha inviato o no, lo devo comprare o me lo faccio regalare, perché dietro a questo ci deve essere una passione. Io mi farei schifo da solo come produttore se avessi prodotto pensando “di questo disco non vendo una copia”, io li ho fatti tutti pensando “viene fuori un disco bello, allora lo faccio.”

JfI: Sicuramente, però la tua sincerità e bontà d’animo ti ha ripagato nel rapporto con i musicisti

PP: Si, i rapporti sono bellissimi, Lee mi adora, come mette il piede sul suolo italico mi cerca e così era con Chet e con Massimo, che era meraviglioso.

Di lui dopo il concerto di Bologna non ho fatto più niente, ma ci sono altre cose di Massimo da pubblicare molto belle e prometto che per il prossimo Premio Urbani faccio un paio di uscite di Massimo di quelle al fulmicotone.

.

Max Leaps In

JfI: Tu hai registrato tutto il loro ultimo periodo ed i dischi di Chet Baker fatti con te sono, a mio parere, tra i migliori.

PP: Quei dischi di Chet Baker sono bellissimi ed io quei dischi in duo ed in quartetto con Pieranunzi, gli ultimi purtroppo della sua vita, non li ho più in catalogo, perché li ho donati a Carol Baker, la vedova di Chet, memore delle parole di Chet che mi disse, se dovessi scomparire pensa a mia moglie Carol. Ma lei non ne ha fatto niente, perché gli americani non capiscono il periodo ultimo di Baker, quel periodo senza denti, con quel suono angelico, soffiato, non lo capiscono. Loro preferiscono quando Baker faceva il bebop annacquato bianco, che suonava negli anni 50/60.

Dopo, quando ha vissuto in Europa, negli anni ’70, gli americani non l’hanno mai premiato, invece era il periodo sublime, secondo me, dove potevi sentire tutte le sere una versione diversa di Just Friends e tutte le volte restavi incantato come se non l’avessi sentita mai, è diventato grande anche come cantante.

Purtroppo, io ho anche cercato di ricomprare a Carol quei dischi, ma non mi ha mai risposto, è un peccato.

.

Chet Baker - Little Girl Blue

C’è “Little Girl Blue” che è di una bellezza travolgente, con in copertina la foto di mia figlia, una bambina indiana che devo al Jazz, che mi ha insegnato tutto, ed a Chet che mi diceva “vedi Paolo, io non ho casa, la mia casa sono gli alberghi del mondo per cui devo sempre suonare per vivere, la mia casa è la custodia della mia tromba”

Questo mi ha colpito molto, Chet non aveva niente, a parte la tromba, ed allo stesso tempo donava tutto e quando ha fatto quei due dischi con Pieranunzi, io mi sono sentito dire

“io non ce la faccio più a suonare la tromba, mi apro uno studio di registrazione a Parigi e canto solamente”

Questo era il suo sogno, soffriva tanto a suonare la tromba a quei tempi. Quando venne a Macerata, io gli organizzai un tour sinfonico di otto date, era il 1985 ed io non ero ancora partito come PHILOLOGY, la registrazione di quei concerti Chet la donò a Melillo, dicendo che lui stava guadagnando molti soldi e che a Mike potevano fare comodo, e Melillo la cedette alla Soul Note, per cui quello è il primo disco “moralmente” PHILOLOGY [53], anche se è uscito per Bonandrini.

Chet era come un bambino, era un puro, ed ha sublimato la sua triste vita con la bellezza della sua musica.

Se mi dovessi portare un musicista solo su un’isola sperduta, porterei Chet Baker.

.

Paolo Piangiarelli a sx, con Tiziana Ghiglioni e Max Melillo a dx

Philology on web:

http://www.philologyjazz.it/

http://www.myspace.com/philologyjazz


[1]Phil Woods Quartet “THE MACERATA CONCERT” vol. 1, 2, 3 – PHILOLOGY W 1/2/3

[2]Phil Woods & European Rhythm Machine “The Birth of ERM” – 2 LP PHILOLOGY W 16/17

[3]Phil Woods / Bob Dorough / Bill Takas "MEMORIAL CHARLIE PARKER" – PHILOLOGY W 24

[4] Phil Woods meets Big Bang Orchestra “Embraceable You” – PHILOLOGY W 25

[5] Charlie Parker “Bird’s Eyes vol. 1” – PHILOLOGY W 5 (see PHILOLOGY catalogue for others volumes)

[6] Lester Young “Prez’s Hat vol. 1” – PHILOLOGY W 6 (see PHILOLOGY catalogue for others volumes)

[7] Brown & Baker “ Black and White series vol.1 – The two Trumpet Geniuses of the fifties” – PHILOLOGY W 13

[8] Marcello Piras “ La suspense degli inediti” Musica Jazz n°8/9, Agosto/Settembre 1990

[9] Chet Baker Trio “Live from the Moonlight” – 2 LP PHILOLOGY W 10/11

[10] Chet Baker – Enrico Pieranunzi “The Heart of the Ballad” – PHILOLOGY W 20

[11] Chet Baker meets Space Jazz Trio “Little Girl Blue” – PHILOLOGY W 21

[12]Chet Baker “Seven Faces of Valentine” – PHILOLOGY W 30

[13] Chet Baker “Naima: Unusual Chet” PHILOLOGY W 52

[14] Chet Baker Trio “A Trumpet for the Sky vol.1 & 2” – PHILOLOGY W55/W56

[15] Chet Baker “A Night at the Shalimar” – PHILOLOGY W 59

[16] Tiziana Ghiglioni – Mike Melillo “Goodbye, Chet” – PHILOLOGY W22

[17] Chet Baker Quartet plus… “The Newport Years vol. 1” – PHILOLOGY W 51

[18] Lee Konitz meets Space Jazz Trio “BLEW” – PHILOLOGY W 26;

    Lee Konitz meets Space Jazz Trio “PHIL’S MOOD” – PHILOLOGY W 27

[19] Lee Konitz & Enrico Pieranunzi “Solitudes” – PHILOLOGY W 28

[20] Lee Konitz “Self Portrait” – PHILOLOGY W 121

[21] Lee Konitz & il complesso di Giovanni Tommaso “STEREOKONITZ” – RCA IT, Ottobre 1968

[22] Konitz / Rava quartet “L’Age Műr” – PHILOLOGY W 123

[23] Enrico Rava “Bella” – PHILOLOGY W 64

[24] Enrico Rava “Rava plays Rava” – PHILOLOGY W 155

[25] Stefano Bollani     / Ares Tavolazzi “Mambo Italiano, dedicato a Dean Martin” – PHILOLOGY W 141

[26] Massimo Urbani “Invitation” CD allegato a Musica Jazz, ottobre 1995 – PHILOLOGY W 58

[27] Mike Melillo / Massimo Urbani “Duet improvisation for Yardbird” – PHILOLOGY W 4

[28] Intervista a Paolo Piangiarelli di Carola De Scipio, in “L’avanguardia è nei sentimenti” – Stampa Alternativa 1999

[29] 24 novembre 1984 – PHILOLOGY W 70

[30] Live at Palazzina Liberty, Milano, 20 marzo 1979 – PHILOLOGY W145

[31] Civitanova Marche, 26 settembre 1983 – PHILOLOGY W 181

[32] Rimini, 7 agosto 1981 – PHILOLOGY W 187

[33] Ancona, 27 novembre 1984 – PHILOLOGY W 221

[34] 6 agosto 1987, PHILOLOGY W 228

[35] Live at Belzebù, 16 dicembre 1988 – PHILOLOGY W 238

[36] Isernia, 9 agosto 1992 – PHILOLOGY W 313

[37] Civitanova Marche, 11 aprile 1983 – PHILOLOGY W 734

[38] Bologna, 23 febbraio 1990 – PHILOLOGY W 338

[39] Herbie Hancock“River: The Joni Letters”
[Verve]

[40] Lee Konitz “Self Portrait” – PHILOLOGY W 121

[41] Michela Lombardi “Small Day Tomorrow” debut of a great singer (dedicated to IRENE KRAL) –      PHILOLOGY W 709

[42] Michela Lombardi “Swingaholic”

[43] PHILOLOGY W 346

[44] Moonlight Becomes You – Thinking Of Chet VOL.1;

Still In My Heart – Thinking Of Chet VOL.2.

[45] Mauro Grossi “Colori” – PHILOLOGY 2008

[46] “Timeless Monk” – PHILOLOGY W 172

[47] “The Macerata Concert” – PHILOLOGY W 167

[48] Franco D’Andrea & Renato Sellani “ L’avventura dell’incontro” – PHILOLOGY W 205

      Franco D’Andrea & Renato Sellani “ L’avventura continua” – PHILOLOGY W 214

[49] PHILOLOGY W 381

[50] Alessandro Lanzoni “I Should Care” winner of I.M.U.A. 2006 – PHILOLOGY W 355

[51] Alessandro Lanzoni Trio “On the Snow” – PHILOLOGY W 285 – Revelation Series vol. 1

[52] Enrico Rava “Bella” – PHILOLOGY W 64

[53] Mike Melillo – Chet Baker – Orchestra Filarmonica Marchigiana “Symphonically” – Soul Note


One Response to “PHILOLOGY’S STORY”

  1. me parece majico el contenido hace tiempo que busco cd de gianni basso padezco una enfermedad enquilosante a pesar de esto la musica es mi gran pasion me gustaria poder conectar con ustedes mi nombre es quim lluis calle de lest numero 34 36 codigo postal 08950 esplugues de llobregat barcelona- me gustaria conocer personlmente a pablo pierangeli tengo dificultat para la informatica. mi telefono es 93 3726564 movil 679511915. un fuerte abrazo.me questa mucho encontrar cd de gianni basso pueden facilitarme algun representante aqui en barcelona si es asi pueden ponerme en contacto. muchas gracias i perdonen por molestarles.espero noticias suyas.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

 
%d bloggers like this: